DISPNEA

Dispnea nei pazienti  affetti da SLA per medici di famiglia , cure ambulatoriali/servizio di cure palliative

Consigli per alleviare la dispnea nelle persone affette da SLA: Raccomandazioni dal centro muscolare/SLA clinica in collaborazione con il centro di cure palliative a KSSG.

  • Adattare la posizione del paziente
  • Calmare, ev. aprire la finestra o misure di stimolazione basale
  • Ventilatore (se non è ventilato) oppure procurare un umidificatore
  • Ventilare (BIPAP con maschera) a domicilio e se ben tollerato dal paziente
  • Ev.piccola quantità di ossigeno per es. 1-2 l per la difficoltà respiratoria/paura-ansia nel caso la ventilazione non fosse più tollerata *

* A domicilio il medico di famiglia o l’operatore di pneumologia, devono organizzare, tramite la lega polmonare e in caso di necessità del paziente, dosi maggiori di ossigeno tramite un concentratore ( in modo da non dovere cambiare le bombola di ossigeno).  Prescrizioni a breve termine, trimestrali, possono essere decise da qualsiasi medico. Di regola i pazienti affetti da SLA non hanno difficoltà ad assumere ossigeno, ma a causa della debolezza muscolare, hanno difficoltà ad eliminare anidride carbonica (CO2). Un progressivo aumento di CO2 può secondariamente portare a problemi di assimilazione di ossigeno.

Annotazioni sull’impiego della Morfina

La morfina si è dimostrata molto utile nei nostri pazienti affetti da SLA. Spesso sono sufficienti assunzioni regolari di dosi minime giornaliere.

Il team di controllo discuterà con la persona ed i parenti, sull’inizio e del perché dovrà essere assunta della morfina. Durante le consultazioni, a seconda del bisogno, va adeguata costantemente la dose.

È particolarmente importante che le persone affette da SLA, i loro parenti e accompagnatori, capiscano l’uso della morfina, imparino a gestirla e a riconoscerla come un sollievo.

L’uso della morfina non serve ad indicare che si è giunti alla fine, ma serve piuttosto come farmaco efficace per il sollievo della dispnea associata ad ansia e paura.

     L’obiettivo è quello di sostenere/mantenere la qualità di vita.

  • Numero d’emergenza:
  • Centro muscolare/clinica SLA:

Dal Lunedì al Venerdì 071 494 35 81

ore serali e fine settimana 079 590 79 50

Centro cure palliative: 071 494 11 55

1. Morfina (fase iniziale) – Medicazione di base 

Morphin gocce 2%      ( 1 goccia = 1mg)

Al bisogno 3 – 5 gocce, serve per verificare la sua condizione e trovare il range terapeutico.

Questa è una possibile “tipica dose SLA”:  3 / 3 / 3 / 8

Digestione: se si inizia con Morfina o MST si devono assolutamente prendere e mantenere precauzioni per digestione e intestino (Lassativi es. Transipeg, Microclist, Laxoberon gocce ogni giorno); se viene aumentata la dose di Morfina bisognerebbe aumentare anche la quantità di lassativi e fornire sufficiente apporto di liquidi (vedi script della digestione del centro muscolare)

Nausea: solitamente la morfina viene ben tollerata  se assunta in modo graduale! In caso di nausea aggiungere del Haldol gocce, vedi sotto punto 3

2. Medicazione supplementare al bisogno

Se il dosaggio di Morfina gocce viene regolarmente aumento, a seconda della dose giornaliera necessaria, in accordo con il medico curante o le cure palliative, si deciderà se:

  • Usare le pastiglie MST o i cerotti 
  • Nel caso il bisogno aumentasse, alle pastiglie o ai cerotti, si potranno associare, in accordo con il medico curante, anche delle gocce di Morfina.

3. Con dispnea acuta 

  • 10 gocce Morfina (=10 mg)
  • per prevenire la nausea si possono somministrare contemporaneamente 5 gocce di  Haldol.  Si può mescolare la Morfina con l’Haldol senza problemi, l’assunzione da parte del paziente avviene in una sola volta per via orale o via PEG.
  • Data la minima dose di Haldol non si dovrebbero rilevare disturbi dello stato cognitivo.

4. Riserva in caso di dispnea

In caso di bisogno, si potrà assumere il 15% in più della medicazione di base.

5. Per i problemi gastrointestinali

a) Sostituire la Morfina con Durogesic (12 mcg/h), questa dose corrisponde a ca. 20 – 40 mg di Mo orale sulle  24 h. Possono essere utilizzati anche dosaggi minori.

Importante: controllare stato di coscienza/respirazione nella fase iniziale di assunzione di Durogesic.

b) Nuove opzioni :  Targin ret. pastiglie (in caso di costipazione da opiacei)

6. In caso di paura/ansia

a) acuta

-Temesta expidet. 1mg da sciogliere in bocca

- Spray nasale di Dormicum (1 Amp. con vaporizzatore)

- Dormicum infusione continua con pompa sotto cute

b) a lungo termine

- Provare con Busiperon (Buspar®) ( ci vogliono un paio di giorni perché faccia effetto)

Comments are closed.